Casa > Contatto e Servizio > Contributi specialistici > 2016-11 | HBCD

I materiali isolanti in polistirolo (polistirolo) con più di 1000 ppm di HBCD sono considerati rifiuti pericolosi in Germania dal 30.9.2016 secondo l'ordinanza POP eWaste Index Ordinance, AVV 

Cosa sono HBCD

HBCD, o HBCDD ( Esabromociclododecano,C12H18Br6) ritardante di fiamma, utilizzato nei tessuti e nei mobili imbottiti principalmente in materiali di isolamento termico come le schiume dure estruse (XPS) o espanse di poylstyrene espanso (EPS).

La Nocività ambientale dell'HBCD

HBCD è dannosa per l'ambiente perché è allo stesso tempo durevole (persistente), si accumula negli organismi (bioaccumulazione) e ha proprietà riproduttive (tossiche). È uno degli inquinanti organici persistenti (POP).

A causa di queste caratteristiche, nel 2008 l'UE ha aggiunto l'HBCD all'elenco delle sostanze che destano particolare preoccupazione. Il regolamento UE sulle sostanze chimiche REACH richiede un obbligo di autorizzazione per tali sostanze. Nel 2013, la sostanza è stata classificata in tutto il mondo come inquinante organico durevole (POP) ai sensi della Convenzione di Stoccolma. Dal novembre 2014 è stato applicato un divieto mondiale di produzione e utilizzo.

Classificazione dei rifiuti di HBCD

Secondo il regolamento POP (CE) n. 850/2004) Art. 7, paragrafo 2, i rifiuti contenenti inquinanti organici persistenti (POP) devono essere recuperati o smaltiti in modo tale che gli inquinanti organici persistenti in essi contenuti siano distrutti o irreversibilmente convertito».

I materiali isolanti sono considerati «contenenti POP» se il loro contenuto di POP è superiore o uguale a una determinata concentrazione di valori limite nell'allegato IV dell'ordinanza POP o nell'ordinanza tedesca sul registro europeo dei rifiuti (- AVV). Il valore limite di 1000 mg/kg per l'HBCD è diventato giuridicamente efficace il 30 settembre 2016.

Conseguenze

I  vecchi materiali isolanti in polistirolo mostrano in genere un contenuto compreso tra lo 0,7% e l'1,5% di HBCD, quindi significativamente superiore al valore limite di 1000 ppm (0,1%). A partire dal 30 settembre 2016, sono considerati pericolosi e soggetti a prova e possono essere trattati solo in impianti di incenerimento dei rifiuti autorizzati di conseguenza.

In base all'ordinanza sulla lista dei rifiuti, i rifiuti di materiali isolanti contenenti HBCD saranno quindi assegnati al numero di codice «17 06 03* altri materiali isolanti costituiti da o contenenti sostanze pericolose» a partire dal 30 settembre 2016.

Test di materiali isolanti su HBCD

Il Agenzia federale dell'ambiente descrive nelle pagine (4) un test rapido basato sull'analisi della fluorescenza a raggi X sviluppata dalFraunhofer Institut IVV e BASF SE.

In questa prova, l'HBCD viene estratto dal materiale isolante utilizzando un solvente organico e il suo contenuto nella soluzione/materiale isolante viene determinato con un XRF portatile ad alta precisione.

Ulteriori informazioni su questo argomento

Analisi dell'amianto0

Analisi affidabile dell'amianto mediante microscopia elettronica a scansione, SEM/EDXORDINA SUBITO!

Sono a disposizione per una consulenza!

  • Tel.: +49 (0)5505 // 940 98-0
  • Fax: +49 (0)5505 // 940 98-260

Notizia

29/giu/2021

L'invecchiamento del cemento-amianto: i vecchi tetti in amianto rilasciano fibre?

Il divieto dell'amianto è in vigore in Germania da quasi 30 anni. Questo significa anche che i prodotti comuni di amianto, come i cementi in fibra, sono stati esposti agli agenti atmosferici, soprattutto all'esterno, fin da allora. Ciò che questo significa per il materiale e il possibile rilascio di fibre è stato ora esplorato da un team di ricerca norvegese [Ervik et al. 2021]. Per saperne di più

12/mag/2021

Prevenzione Covid: CRB equipaggia altri 5 uffici con sistemi di filtrazione dell'aria nanofiltec

Le sale di lavoro e altri punti critici nell'edificio di CRB Analyse GmbH sono stati equipaggiati con sistemi di filtraggio dell'aria della società nanofiltec di Amburgo. Per saperne di più

30/mar/2021

Trattare l'amianto: l'ignoranza non protegge dalla punizione - prima controllare, poi pulire

Di volta in volta, gli appaltatori e i fai-da-te devono rispondere ai tribunali per non aver rispettato le misure di protezione professionale e ambientale relative all'amianto. Per saperne di più