Casa > Panoramica dei servizi analitici > Analisi della fluorescenza a raggi X // XRF > Plastica, gomma > HBCD in polistirolo

HBCD - Analisi di polistirolo, polistirolo, utilizzando XRF, analisi a fluorescenza a raggi X

I materiali isolanti in polistirolo (polistirolo) con oltre 1000 mg/kg (ppm) di HBCD sono considerati rifiuti pericolosi in Germania dal 30.9.2016 in conformità con il regolamento POP eWaste Index Ordinance, AVV

 

I nostri servizi per voi in materia di smaltimento del polistirolo:

 

Test dei rifiuti di schiuma dura di polistirene, indipendentemente dal fatto che siano classificati come privi di HBCD e contenenti HBCD.

 

Il test viene eseguito utilizzando l'analisi della fluorescenza a raggi X, XRF secondo una procedura sviluppata dalFraunhofer Institut IVV, raccomandata anche dall'Agenzia federale dell'ambiente.

Si prega di notare: per l'analisi abbiamo bisogno solo di 10 g di materiale campione!

► al listino prezzi

Informazioni su HBCD

Che cosa sono HBCD

HBCD, o HBCDD (esabromociclododecano, C12H18Br6) è un ritardante di fiamma che, oltre all'uso per tessuti e mobili imbottiti, è utilizzato principalmente in materiali di isolamento termico come le schiume dure estruse (XPS) o espanse di poylstyrene ( EPS) sono stati utilizzati.

 

La nocività ambientale dell'HBCD

HBCD è dannosa per l'ambiente perché è allo stesso tempo durevole (persistente), si accumula negli organismi (bioaccumulazione) e ha proprietà riproduttive (tossiche). È uno degli inquinanti organici persistenti (POP).

A causa di queste caratteristiche, nel 2008 l'UE ha aggiunto l'HBCD all'elenco delle sostanze che destano particolare preoccupazione. Il regolamento UE sulle sostanze chimiche REACH richiede un obbligo di autorizzazione per tali sostanze. Nel 2013, la sostanza è stata classificata in tutto il mondo come inquinante organico durevole (POP) ai sensi della Convenzione di Stoccolma. Dal novembre 2014 è stato applicato un divieto mondiale di produzione e utilizzo.

 

Classificazione dei rifiuti di HBCD

Secondo il regolamento POP (CE) n. 850/2004) Art. 7, paragrafo 2, i rifiuti contenenti inquinanti organici persistenti (POP) devono essere recuperati o smaltiti in modo tale che gli inquinanti organici persistenti in essi contenuti siano distrutti o irreversibilmente convertito».

I materiali isolanti sono considerati «contenenti POP» se il loro contenuto di POP è superiore o uguale a una determinata concentrazione di valori limite nell'allegato IV dell'ordinanza POP o nell'ordinanza tedesca sul registro europeo dei rifiuti (- AVV). Il valore limite di 1000 mg/kg per l'HBCD è diventato giuridicamente efficace il 30 settembre 2016.

 

Informazioni attuali
A causa delle difficoltà di avvio nell'attuazione del presente regolamento, nella sessione del 16 dicembre 2016 il Consiglio federale ha adottato una moratoria sulla classificazione di materiali isolanti contenenti HBCD come rifiuti pericolosi. La moratoria nazionale sospende per un anno il regolamento entrato in vigore alla fine di settembre 2016. I materiali isolanti contenenti HBCD possono quindi essere smaltiti temporaneamente come rifiuti non pericolosi dall'inizio di gennaio alla fine di dicembre 2017. Indipendentemente da ciò, il loro smaltimento ecologico negli impianti di incenerimento dei rifiuti deve continuare ad essere garantito.
Fonte: Ministero della Bassa Sassonia per l'Ambiente, l'energia e la protezione del clima

 

Conseguenze

I vecchi materiali isolanti in polistirene mostrano tipicamente livelli compresi tra lo 0,7% e l'1,5% di HBCD e sono quindi ben al di sopra del valore limite di 1000 ppm (0,1%).

partire dal 30 settembre 2016, sono considerati pericolosi e soggetti a prova e possono essere trattati solo in impianti di incenerimento dei rifiuti autorizzati di conseguenza.

In base all'ordinanza sulla lista dei rifiuti, i rifiuti di materiali isolanti contenenti HBCD saranno quindi assegnati al numero di codice «17 06 03* altri materiali isolanti costituiti da o contenenti sostanze pericolose» a partire dal 30 settembre 2016.

 

Test di materiali isolanti su HBCD

Il Agenzia federale dell'ambiente descrive nelle pagine (4) un test rapido basato sull'analisi della fluorescenza a raggi X sviluppata dalFraunhofer Institut IVV e BASF SE.

In questa prova, l'HBCD viene estratto dal materiale isolante utilizzando un solvente organico e il suo contenuto nella soluzione/materiale isolante viene determinato con un XRF portatile ad alta precisione.

Norme e linee guida per l'analisi a fluorescenza a raggi X dell'HBCD in polistirolo

  • DIN EN 16424:2015 -03 – Caratterizzazione dei rifiuti - Metodi di screening per la determinazione della composizione elementare con spettrometri portatili a fluorescenza a raggi X
  • DIN 51418- 1:2008 -08 – Analisi spettrale a raggi X - Analisi delle emissioni e della fluorescenza a raggi X (XRF) - Parte 1: Termini generali e basi
  • DIN 51418- 2:2015 -03 – Analisi spettrale a raggi X - Analisi delle emissioni e della fluorescenza a raggi X (XRF) - Parte 2: Termini e basi per la misurazione, la calibrazione e Valutazione

Analisi dell'amianto0

Analisi affidabile dell'amianto mediante microscopia elettronica a scansione, SEM/EDXORDINA SUBITO!

Sono a disposizione per una consulenza!

  • Tel.: +49 (0)5505 // 940 98-0
  • Fax: +49 (0)5505 // 940 98-260

Notizia

16/set/2022

La pulizia non corretta dei tetti in amianto porta a pene detentive e pecuniarie

È necessaria una particolare cautela quando si ha a che fare con l'amianto. La polvere di amianto può essere rilasciata non solo durante i lavori di ristrutturazione, ma anche quando le coperture in amianto vengono pulite in modo improprio. Chi non rispetta le norme mette in pericolo se stesso e i suoi simili e rischia pesanti sanzioni. Per saperne di più

24/ago/2022

Workshop online Linea guida VDI 6202 Scheda 3 - Amianto

Il 13 settembre 2022, il Gesamtverband Schadstoffsanierung e.V. (GVSS) offrirà un workshop online sulla linea guida VDI 6202 foglio 3. In qualità di membri dell'associazione, siamo lieti di attirare la vostra attenzione su questo interessante evento. Per saperne di più

10/ago/2022

Sospetto di indumenti protettivi contaminati da amianto? - Testiamo i DPI per verificare la presenza di amianto e FMA.

Una procedura sviluppata in collaborazione con MeyerundKuhl Spezialwäschen GmbH ci permette di testare in modo non distruttivo gli indumenti dei vigili del fuoco e altri DPI per verificare la presenza di amianto e fibre minerali artificiali. Per saperne di più