Casa > Glossario

Cose da sapere dalla A alla Z

Di seguito troverete in ordine alfabetico una spiegazione di termini e abbreviazioni, linee guida e standard. Per l'analisi dell'amianto e l'analisi della fluorescenza a raggi X

Actinolite

Immagine REM actinolite | © CRB Analysis Service GmbH Immagine SEM actinolite

Amianto anfibol monoclale con formula chimica Ca2(Fe2+,Mg)5[OH|Si4O11]2. Cristallo misto di ferro dalla serie di ferroactinolite-tremolite-cristalli misti.

Utilizzare come amosite.

Può essere trovato nei rivestimenti stradali come componente naturale di rocce magmatiche come basalto, diabas o gabbro utilizzati per la scissione.


Amianto - debolmente legato

Massa di ripieno di assorbimento macroscopico | © CRB Analysis Service GmbH Massa di ripieno di assorbimento macroscopico

I prodotti a base di amianto debole sono stati utilizzati principalmente per scopi di isolamento termico e acustico e sono stati utilizzati in edifici e veicoli come:

Amianto - divieto di...

Guanto di amianto | © Di Lukaszkatlewa - proprio lavoro, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=37259226 Guanto di amianto resistente al calore - fonte di immagini Wikimedia Commons: Lukaszkatlewa (https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Heat-resistant_asbestos_glove.jpg), «Guanto di amianto resistente al calore», https://creativecommons.org/licenses/by/3.0/legalcode

A causa degli effetti nocivi delle fibre di amianto, l'uso in Germania è stato gradualmente limitato. Nel 1979 è stato vietato l'uso dell'amianto spray, nel 1982 la fabbricazione e l'uso di pavimentazioni in amianto contenenti amianto e nel 1993, ai sensi del regolamento sul divieto di sostanze chimiche, un divieto generale di fabbricazione e immissione sul mercato.

Divieto di amianto

  • 1979 Uso dell'amianto spray (regolamento sulla prevenzione degli incidenti VBG 119)
  • 1982 Fabbricazione e impiego di rivestimenti per pavimenti in amianto (ordinanza sulle sostanze pericolose)
  • 1984 Amianto in forni notturni
  • 1991 Uso di prodotti in cemento amianto
  • 1993 Fabbricazione e immissione sul mercato di amianto (regolamento sul divieto di sostanze chimiche)
  • 1994 Fabbricazione di tubi a pressione
  • 1995 Uso di tubi a pressione

Fonte immagine Wikimedia CommonsLukaszkatlewa, guanto di amianto resistente al calore, CC BY 3.0

Amianto - Proprietà

L' amianto presenta una serie di eccellenti proprietà chimiche e fisiche. Questi includono, per esempio,:

  • struttura in fibra
  • a bassa densità
  • ad alto modulo di elasticità
  • bassa conduttività termica ed elettrica
  • elevata resistenza al calore
  • buona resistenza chimica agli acidi (crokydolite) e alcali (crisotilo)
  • residui di invecchiamento.

Le proprietà versatili hanno portato all'impiego di amianto in tutti i settori e stimato in circa 4.000 prodotti.

Amianto - rilevare

Crisotilasbesto migliore in un pavimento in PVC | © CRB Analysis Service GmbH Crisotilasbesto migliore in un pavimento in PVC

L' amianto si trova in una varietà di prodotti a base di amianto fissidebolmente legati e prodotti chimici per l'edilizia.

Ad eccezione dei prodotti di amianto puro come l'amianto per iniezione o le piastre eternit intemperie, da cui possono sporgere fasci di fibre di crisotilamianto biancastro, l' amianto non è visibile nemmeno alla persona esperta ad occhio nudo o alla lente d'ingrandimento nella maggior parte dei prodotti.
Pertanto, molti prodotti, soprattutto a bassissimo contenuto di amianto, sono a rischio di valutazioni false negative.

L'analisi dei campioni di materiale viene effettuata secondo procedure standardizzate utilizzando il metodo

  • microscopio elettronico a scansione secondo la direttiva VDI 3866, parte 5 «Determinazione dell'amianto nei prodotti tecnici - Metodo del microscopio elettronico a scansione» [2004].

o, subordinato in Germania, con

  • microscopi leggeri appositamente attrezzati secondo la linea guida VDI 3866, foglio 4 «Determinazione dell'amianto in prodotti tecnici - Phase Contrast Microscopic Process» [2002]

Amianto - Smaltimento

Attenzione: amianto | © CRB Analysis Service GmbH Attenzione: amianto

Gli oggetti contenenti amianto o piccole quantità di rifiuti contenenti amianto provenienti dalle famiglie sono accettati dai fornitori di servizi pubblici con la raccolta di piccole quantità di inquinanti. In particolare, esistono in loco le seguenti opzioni:

  • accettazione presso i centri di riciclaggio
  • in altri impianti delle autorità pubbliche di gestione dei rifiuti o di terzi incaricati da queste ultime,
  • in discarica, oppure
  • discariche o
  • ricevuto in magazzini di impianti di smaltimento amianto.

I rifiuti contenenti amianto devono essere raccolti e trasportati in appositi contenitori sicuri ed etichettati. Essi devono essere tenuti separati per evitare che la miscelazione con altri materiali aumenti la quantità di amianto contenente rifiuti o il contenuto di amianto non rilevabile. Le norme locali per lo smaltimento devono essere rispettate e rispettate.

Amianto - specie, occorrenze

Chrysotile, posizione Callenberg, Sassonia | © Leon Hupperichs [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons Chrysotile, site Callenberg, Sassonia - Fonte de imagen Wikimedia Commons Leon Hupperichs [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

L'amianto è materie prime minerali naturali, già utilizzate circa 4000 anni fa per le loro proprietà, ad esempio per lampade a prova di fuoco, camicie morte e ceramiche infrangibili.

Mineralogicamente, si tratta di minerali fibrosi silicatici che si formano da rocce magmatiche di partenza contenenti magnesio e ferro attraverso complessi meccanismi di reazione ad alta pressione e ad alte temperature.

A seconda della composizione minerale della roccia di partenza, viene fatta una distinzione tra il gruppo serpentina e il gruppo delle anfibole. Il più importante, cioè l'amianto più comune e lavorato dal gruppo serpentino è il silicato di magnesio crisotilo, noto anche come amianto bianco.
Dal gruppo di anfiboli, i principali rappresentanti sono silicato di sodio crokydolite, chiamato anche amianto blu, e amosite silicato ferroso di magnesio (amianto bruno). Dell'amianto tecnicamente utilizzato in Germania, il 94% è amianto bianco (crisotilo) e circa il 4% della crokydolite di amianto blu.

Il resto è distribuito in amosite e antofillite, anche minerali di amianto del gruppo anfibolico. Actinolite e tremolite sono aggiunti come componente naturale di rocce magmatiche come basalto, diabas o gabbro, che vengono utilizzati per la scissione per la costruzione di strade.

Le fibre di crisotilasbestos sono elastiche, lunghe e possono essere facilmente girate. Le fibre di anfibolasbesto, invece, sono fragili, fragili e difficili da filare.
I maggiori giacimenti di amianto sono in Russia (crisotilo, antofillite), Canada (crisotilo), Sud Africa (crisotiloamosite, crokydolite) e Cina (crisotilo).

La percentuale di amianto nella roccia madre di siti degni di costruzione è generalmente compresa tra il 4% e il 10%. La preparazione dell' «asbesterce» viene prima eseguita scissione e macinazione. Successivamente, le fibre di amianto fini vengono filtrate (viste del vento).

Fonte de imagen Wikimedia Commons: Leon Hupperichs, Clinochrysotile-482234,CC BY-SA 3.0

Amianto - strettamente legato

Cemento amianto | © CRB Analysis Service GmbH Cemento amianto

Prodotti di amianto fissi (cemento amianto, eternit)

Amianto - uso di...

Vigili del fuoco con tute protettive di amianto | © Von Bundesarchiv, Bild 183-37769-0001/BISCAN/CC-by-SA 3.0, CC BY-SA 3.0 it, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5428261 Vigili del fuoco di fabbrica con tute protettive amianto - fonte di immagini Wikimedia Commons Von Bundesarchiv, Bild 183-37769-0001/BISCAN/CC-by-SA 3.0, CC BY-SA 3.0 it, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=5428261

Mentre l'amianto era già utilizzato alla fine del XIX secolo, per esempio, per la produzione di sigilli piatti o scatole di riempimento, o intrecciati o intrecciati in corde, corde e tessuti, vi fu una significativa espansione dell'utilizzo dell'amianto con l'invenzione del cemento amianto da parte dell'austriaco Ludwig Hatschek a l'inizio del XX secolo.

Ha scoperto che l'amianto, il cemento e l'acqua potevano essere mescolati in una pappa molto facile da malleabile e che i prodotti stampati erano molto resistenti alle intemperie dopo l'essiccazione all'aria. Hatschek coniò il nome Eternit per le sue lastre di cemento-amianto e lo fece brevettare. Negli anni successivi, altre aziende cercarono di produrre cemento amianto.

Nel 1929 è stata fondata a Berlino la Società tedesca del cemento amianto (Urzelle von Eternit). La gamma di produzione comprendeva tubi, pannelli ondulati e piatti, piastre di piccolo formato e raccordi senza rivestimento.

L' importazione di raw hasbest non è stata limitata. Negli anni dal 1937 al 1945, un uso intensivo di amianto è stato effettuato nell'industria degli armamenti. A causa della mancanza di valuta estera, l'importazione di greggio ha dovuto essere in gran parte cessata dal 1945 al 1948. La mancanza di materia prima costringeva Eternit a fermare la produzione dal 1939 al 1949. La produzione riprende nel 1950. Dopo modesti inizi c'è stato un rapido aumento della produzione.

Dal 1970 al 1979, l'importazione di hasbestos grezzi nella vecchia Repubblica federale ammontava a circa 180.000 tonnellate all'anno, di cui circa il 70% per la produzione di cemento amianto. Circa il 10% è stato utilizzato per produrre prodotti debolmente legati e il resto è stato utilizzato per altre applicazioni. Il consumo di amianto nella RDT non è stato altrettanto rapido e in qualche modo ritardato. Anche in questo caso, l'amianto è stato trasformato principalmente in prodotti di cemento-amianto. Con alcune eccezioni, l'isolamento stampato a iniezione non è stato quasi eseguito.

L'esempio più eclatante fu il Palazzo della Repubblica (1975/76). Una deroga ha consentito l'uso di amianto spray in primo luogo, dopo che l'uso era già stato vietato dal 1969. Inoltre, nella RDT non sono stati installati rivestimenti per pavimenti contenenti amianto. Il cemento amianto — o l'amianto fisso — ha un tenore di amianto di circa 5 -15% e una densità generalmente superiore a 1,4 g/cm3. Per i prodotti di amianto in scarsamente legati, il tenore di amianto è generalmente superiore al 60% e la densità è inferiore a 1,0 g/cm3.

Fonte de imagen Wikimedia Commons: Bundesarchiv, Bild 183-37769-0001/BISCAN/CC-by-SA 3.0, Bundesarchiv Bild 183-37769-0001, Magdeburg, Amianto Tuta, CC BY-SA 3.0 DE

Amianto - valori limite dell'aria

Attenzione: aria di amianto | © CRB Analysis Service GmbH Mg6 [(OH) 8|Si4O10]

La concentrazione di fibre di amianto nell'aria viene misurata in fibre per metro cubo (F m-3). Non vi è alcun limite superiore per le concentrazioni di amianto alle quali è possibile escludere un rischio di cancro, in quanto piccole quantità di fibre (al di sotto del limite di misurazione) sono sufficienti per lo sviluppo del cancro. Tuttavia, un minor carico di amianto nell'aria riduce il rischio statistico di sviluppo del cancro. Nella pratica si utilizzano i seguenti valori di concentrazione:

  • 100 fibre m-3 - area aria pura
  • 300 fibre m-3 - limite di rivelazione per la valutazione del filtro secondo VDI 3492
  • 500 fibre m-3 (valore misurato) e 1000 fibre m-3 (valore poisson superiore) - controllo di successo delle misure di risanamento (misura di approvazione) e «status quo» (TRGS 519, direttiva amianto)
  • 1000 fibre m-3 (valore misurato) - In caso di esito positivo delle misure preliminari dopo e in caso di possibili prove per proteggere terzi durante la riabilitazione (TRGS 519, Direttiva amianto)
  • 15000 fibre m-3 (valore misurato) - Valore limite per lavori con bassa esposizione sul lavoro (TRGS 519)
  • 100000 fibre m-3 (valore misurato) - valore limite per lavori di piccola scala durante la riabilitazione (TRGS 519)

Amianto, lana minerale - testi legislativi

Analisi dell'amianto - Leggi | © CRB Analysis Service GmbH Analisi dell'amianto - Leggi
  • Ordinanza sulle sostanze pericolose - Ordinanza sulla protezione contro le sostanze pericolose (Ordinanza sulle sostanze pericolose - GefStoffV)
  • Direttiva 97/69/CE - Direttiva 97/69/CE della Commissione, del 5 dicembre 1997, recante ventitreesimo adeguamento al progresso tecnico della direttiva 67/548/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose.
  • TRGS 402 - Identificazione e valutazione dei pericoli nelle attività delle sostanze pericolose: esposizione per inalazione
  • TRGS 420 - Criteri specifici di processo e sostanza (VSK) per la valutazione del rischio
  • TRGS 517 - Attività con materie prime minerali potenzialmente amianto e preparati e prodotti derivati
  • TRGS 519 - Amianto: demolizione, riabilitazione o manutenzione
  • TRGS 521 - Lavori di demolizione, riabilitazione e manutenzione con lana minerale vecchia
  • TRGS 619 - Sostituzione di prodotti in lana di silicato di alluminio
  • TRGS 900 - Valori limite di lavoro
  • TRGS 905 - Elenco dei prodotti cancerogeni, mutageni o mutageni Rischio di sostanze riproduttive
  • TRGS 954 - Raccomandazioni per la concessione di deroghe di §15a par. 1 GefStoTV per la movimentazione di materie prime minerali e prodotti contenenti amianto nelle cave

Tutti i documenti gratuiti elencati qui sono disponibili nell'area download della nostra homepage

Amosite

amosite di assorbimento macroscopico | © CRB Analysis Service GmbH amosite di assorbimento macroscopico

(Grunerite, anche erite verde, amianto bruno), monoclino anfibio amianto con la formula chimica (Fe2+,Mg)7Si8O22(OH)2.
Forma cristalli fibrosi marroni o verdi.

Utilizzare per indumenti di protezione dal calore, piastre antincendio, composti spray, vernici, rivestimenti per pavimenti, guarnizioni, pastiglie freno, pastiglie frizione, prodotti in cemento amianto (piastre, tubi, piastre ondulate, fioriere, linee di ventilazione), adesivi, sigillanti, mastice, bagliore diatomaceo.

Può essere trovato nei rivestimenti stradali come componente naturale di rocce magmatiche come basalto, diabas o gabbro utilizzati per la scissione.

Analisi dell'amianto – campione di materiale

Comprendiamo i materiali da costruzione (fibrocemento, pavimenti, colla) come campioni di materiale, che devono essere esaminati secondo la scheda VDI 3866 5:2004 -10. Si prega di fare riferimento al nostro listino prezzi per i costi di questa inchiesta.

Analisi dell'amianto – campione di polvere, campione adesivo di polvere

Porta campioni per il campionamento delle polveri amianto | © CRB Analysis Service GmbH Porta campioni per il campionamento delle polveri amianto

La polvere o i campioni debolmente legati sono esaminati come campione di polvere. Il materiale da esaminare è prelevato con un portapenne dotato di cuscinetti adesivi conduttivi o, in alternativa, di una striscia di pellicola adesiva. La prova viene eseguita secondo la linea guida VDI 3866, foglio 5 o semi-quantitativamente secondo la linea guida VDI 3877. Si prega di consultare il nostro listino prezzi per esaminare un campione di polvere.

Analisi dell'amianto – Linee guida e standard

Logo VDI | © VDI Logo VDI
  • BGI 505.30 (precedentemente ZH 1/120.30) – Metodo per la determinazione delle proporzioni di massa di crisotilasbestos e anfibolasbest
  • BGI 505-31 – Metodo per la determinazione delle fibre respirabili - Luce microscopica metodo
  • DGUV Informazioni 213-546 (ex BGI 505-46 e ZH1/120.46): Metodo di analisi per la determinazione separata delle concentrazioni di fibre inorganiche respirabili nelle aree di lavoro – Metodo microscopico elettronico a scansione metodo
  • IFA/BIA 7487 – Metodo per la determinazione analitica del basso contenuto di massa di fibre di amianto in polveri, polveri e polveri utilizzando il metodo REM/EDX
  • IFA/BIA 7488 – Determinazione del valore AI delle fibre minerali amorfe
  • ISO 14966 – Aria ambiente - Determinazione della concentrazione numerica di particelle fibrose inorganiche - Scansione elettronica Metodo di microscopia (Aria atmosferica - Determinazione della concentrazione numerica delle particelle fibrose inorganiche) Concentrazione della conta delle fibre di particelle fibrose inorganiche - Metodo microscopico elettronico a scansione)
  • ISO 22262-1 – Qualità dell'aria - Solidi - Parte 1: Campionamento e qualità Determinazione dell'amianto nei prodotti tecnici commerciali
  • ISO 22262-2 – Qualità dell'aria - Solidi - Parte 2: Determinazione quantitativa dell'amianto con metodi gravimetrici e miscroscopici
  • VDI 3492 – Misurazione dell'inquinamento atmosferico interno - Misurazione delle immissioni - Misurazione di particelle fibrose inorganiche - Metodo microscopico elettronico a scansione
  • VDI 3861 Foglio 2 – Misurazione delle particelle fibrose inorganiche nel gas puro che scorre
  • VDI 3866 Foglio 1 – Determinazione dell'amianto nei prodotti tecnici - Nozioni di base - Raccolta e preparazione di campioni
  • VDI 3866 Foglio 2 – Determinazione dell'amianto nei prodotti tecnici - Metodo spettroscopico a infrarossi
  • VDI 3866 Foglio 4 – Determinazione dell'amianto nei prodotti tecnici - Metodo microscopico a contrasto di fase
  • VDI 3866 Foglio 5 – Determinazione dell'amianto nei prodotti tecnici - Metodo microscopico elettronico a scansione
  • VDI 3877 – Misurazione dei contaminanti interni Misurazione delle polveri fibrose depositate sulle superfici - Campionamento e analisi (REM/EDXA)

Antofillite

Antofillite immagine REM | © CRB Analysis Service GmbH Antofillite immagine SEM

Anfibolasbesto ortorombico con la formula chimica (Mg,Fe2+)7Si8O22(OH)2.

Utilizzare come amosite.

Coperture stradali, asfalto

Anima in asfalto a sezione trasversale, larghezza immagine 4 cm | © CRB Analysis Service GmbH Anima in asfalto a sezione trasversale, larghezza immagine 4 cm

I rivestimenti stradali (asfalto) consistono in una miscela di bitume legante e trucioli di rocce naturali. In particolare, le rocce alcaline e magmatiche come il basalto, il diabas o il gabbro sono spesso utilizzate per il rivestimento altamente stressato.
Queste rocce contengono spesso minerali di amianto naturali della famiglia degli anfiboli come actinolite, tremoliteantofillite o amosite (grunerite).
Nella fresatura a freddo delle aree di traffico e nel ritrattamento (riciclaggio) e nel riciclaggio nella costruzione di strade, le fibre di amianto possono essere rilasciate a causa di sollecitazioni meccaniche e comportano rischi per la salute dei lavoratori, dei residenti e degli utenti della strada. TRGS 517 contiene misure di protezione per le attività con materie prime minerali contenenti amianto naturale e preparati e prodotti da essi derivati e stabilisce il metodo IFA/BIA 7487 («Metodo per la determinazione analitica del basso contenuto di massa delle fibre di amianto in polveri, polveri e polveri con SEM/ EDX (figura chiave 7487)») per la determinazione del tenore in massa dell'amianto.
In alternativa, secondo la NGS (Niedersächsische Gesellschaft zur Endablagerung von Sonderabfall mbH), l'esame della presenza di amianto in strade contenenti catrami/pece può essere effettuato come prova in polvere conformemente alla direttiva VDI 3866, foglio 5.
A meno che non vengano rilevate fibre durante questo test, non è necessaria alcuna ulteriore verifica. Se le fibre vengono rilevate utilizzando questo metodo, è necessaria una quantificazione aggiuntiva secondo il metodo IFA/BIA 7487.

Crisotilo

Crisotilo di assorbimento macroscopico | © CRB Analysis Service GmbH Crisotilo di assorbimento macroscopico

Conosciuto anche come amianto bianco, amianto bianco o fibra serpentina, è un nome collettivo per i minerali clinochrysotile, orthochrysotile e paracrisotile dalla classe minerale dei silicati, ordine di silicati strato e il gruppo di serpentine.
I principali giacimenti del minerale si trovano in Canada, Sud Africa e Russia. Il crisotilo forma fibre lunghe e cave interne di strati o cilindri laminati Mg6[(OH)8|Si4O10].

L'amianto più comunemente usato, tra gli altri in indumenti di protezione dal calore, piastre antincendio, composti spray, vernici, rivestimenti per pavimenti, guarnizioni, pastiglie dei freni, rivestimenti della frizione, prodotti in cemento amianto (piastre, tubi, piastre ondulate, fioriere, linee di ventilazione), adesivi, sigillanti, stucchi, guarnizioni di riempimento, massetti (massetto magnesite).

Crocidolite

Crocidolite di assorbimento macroscopico | © CRB Analysis Service GmbH Crocidolite di assorbimento macroscopico

Anche corno miscelazione amianto o amianto blu, formazione fibrosa del Riebeckit. Nastro silicato dal gruppo di anfiboli alcalini con la formula Na2(Fe2Mg)3Fe2Si8O22.

Utilizzare per indumenti di protezione dal calore, piastre antincendio, composti spray, rivestimenti, rivestimenti per pavimenti, guarnizioni, pastiglie dei freni, rivestimenti della frizione, prodotti in cemento amianto (piastre, tubi, piastre ondulate, fioriere, linee di ventilazione), adesivi, sigillanti, stucco, guarnizioni tamping, iniezione amianto.

EDX - Microanalisi a raggi X

EDX Spectrum Crocidolite | © CRB Analysis Service GmbH EDX Spectrum Crocidolite

Il principio di funzionamento è paragonabile all'analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva, ma qui il fascio di elettroni primario ricco di energia viene utilizzato per stimolare gli elementi nel campione per l'emissione della loro caratteristica radiazione fluorescente.

La radiazione di fluorescenza aratteristica c degli elementi del campione è registrata da un rivelatore, di solito da un semiconduttore di silicio e litio (rivelatore SIL) o da un rivelatore di deriva al silicio (rivelatore SSD). Utilizzando un'elettronica a valle appropriata, il segnale del rivelatore viene trasformato in modo che possa essere elaborato in un Multi Channel Analyzer (MCA). Questo raccoglie i segnali misurati, i fotoni registrati nel rivelatore, a seconda della loro energia. Il risultato è uno spettro di elementi dispersivi di energia.

  • Analisi qualitativa degli spettri EDX
    Per la maggior parte degli elementi, ci sono diverse linee nello spettro. Quando si assegnano linee, è necessario verificare se tutte le linee di un elemento sono presenti e se le loro intensità sono nella proporzione corretta tra loro. Eventuali sovrapposizioni di picco con altri elementi devono essere prese in considerazione. A causa della scarsa risoluzione energetica degli spettrometri EDX, spesso non è possibile separare le linee vicine (ad esempio le linee Kβ1eKβ2di un elemento, così come le linee di elementi diversi).
     
  • Analisi quanitativa degli spettri EDX
    La determinazione quantitativa dell'intensità delle caratteristiche linee a raggi X successo attraverso l'integrazione delle linee e la deduzione della radiazione frenante continua sotterranea. Dalle intensità relative delle linee a raggi X dei vari elementi, solo i valori grezzi per le percentuali di massa sorgono in un primo momento, perché il numero di raggi X caratteristici registrati ad eccezione della concentrazione dell'elemento dipende da una serie di altri parametri materiali, che vengono presi in considerazione mediante correzione ZAF (Z = numero atomico, A = assorbimento, F = fluorescenza).

Fibre OMS

Fibre di lunghezza > 5 µm, diametro < 3 µm e un rapporto lunghezza/diametro di > 3:1. Si applica alle fibre di vetro, pietra, scorie o ceramica (escluso amianto, cfr. TRGS 905).

HBCD

I materiali isolanti in polistirolo (polistirolo) con più di 1000 ppm di HBCD sono considerati rifiuti pericolosi in Germania dal 30.9.2016 in conformità con l'ordinanza POPWaste List Ordinance, AVV.

Quale HBCD

HBCD, o HBCDD (esabromociclododecan, C12H18Br6) è un ritardante di fiamma che, oltre all'uso per tessuti e mobili imbottiti, è stato utilizzato principalmente in materiali isolanti termici come estrusi (XPS) o espansi poylstyrene espansi (EPS).

 

La nocività ambientale dell'HBCD

HBCD è dannosa per l'ambiente perché è allo stesso tempo durevole (persistente), si accumula negli organismi (bioaccumulazione) e ha proprietà riproduttive (tossiche). È uno degli inquinanti organici persistenti, «POP», (persistant organic pollutants).

A causa di queste caratteristiche, nel 2008 l'UE ha aggiunto l'HBCD all'elenco delle sostanze che destano particolare preoccupazione. Il regolamento UE sulle sostanze chimiche REACH richiede un obbligo di autorizzazione per tali sostanze. Nel 2013, la sostanza è stata classificata in tutto il mondo come inquinante organico durevole (POP) ai sensi della Convenzione di Stoccolma. Dal novembre 2014 è stato applicato un divieto mondiale di produzione e utilizzo.

Classificazione dei rifiuti di HBCD

Secondo il regolamento POP ((CE) n. 850/2004) Art. 7, i rifiuti contenenti inquinanti organici persistenti devono essere recuperati o smaltiti in modo da «distruggere o irreversibili gli inquinanti organici persistenti ivi contenuti. trasformato».

I materiali isolanti sono considerati «contenenti POP» se il loro contenuto di POP è superiore o uguale a una determinata concentrazione di valori limite nell'allegato IV dell'ordinanza POP o nell'ordinanza tedesca sul registro europeo dei rifiuti (- AVV). Il valore limite di 1000 mg/kg per l'HBCD è diventato giuridicamente efficace il 30 settembre 2016.

Conseguenze

I vecchi materiali isolanti in polistirolo mostrano in genere un contenuto di HDCD compreso tra lo 0,7% e l'1,5% di HBCD, quindi significativamente superiore al valore limite di 1000 ppm (0,1%).

Apartire dal 30 settembre 2016, sono considerati pericolosi e soggetti a prova e possono essere trattati solo in impianti di incenerimento dei rifiuti che dispongono dell'approvazione appropriata. Codice dei rifiuti «17 06 03* altri materiali isolanti costituiti da o contenenti materiali pericolosi».

Test di materiali isolanti su HBCD

Il Agenzia federale dell'ambiente descrive nelle sue pagine un test rapido basato sull'analisi della fluorescenza a raggi X sviluppata dal Fraunhofer Institut IVV e BASF SE.

In questa prova, l'HBCD viene estratto dal materiale isolante utilizzando un solvente organico e il suo contenuto nella soluzione/materiale isolante viene determinato con un RFA portatile ad alta precisione.

Indice di cancerogenicità, CI

Secondo TRGS 905, uno dei diversi criteri (oltre alla definizione della fibra OMS, test di cancerogenicità intraperitoneale, resistenza vivobio) per la classificazione delle fibre minerali artificiali, lana minerale rispetto al loro potenziale cancerogeno.

L' indice di cancerogenicità CI per le fibre dell'OMS da valutare è la differenza tra la somma del tenore di massa (in V.h) degli ossidi di sodio, potassio, boro, calcio, magnesio, bario e il doppio del tenore di massa (in V.h) dell'ossido di alluminio.

CI = somma Na, K, B, Ca, Mg, Ba - 2 x Ossido di Al

  • Le fibre di vetro OMS con indice di cancerogenicità KI <= 30 sono classificate nella categoria 1B.
  • Le fibre di vetro OMS con indice di cancerogenicità KI > 30 e < 40 sono classificate nella categoria 2.
  • Per le fibre vetrose dell'OMS, nessun indice di cancerogenicità è classificato come cancerogeno se il loro indice di cancerogenicità è >= 40.

Ulteriori informazioni su questo argomento sulla nostra hompage sotto Risultati analitici/Analisi delle fibre minerali artificiali

KMF, lana minerale

assorbimento macroscopico di lana minerale | © CRB Analysis Service GmbH assorbimento macroscopico di lana minerale

KMF è l'abbreviazione di Fibre Minerali Artificiali.

Le fibre minerali artificiali sono prodotte principalmente da materie prime di vetro o rocce utilizzando materiali riciclati come il vetro usato. I materiali isolanti in lana-minerale a base di KMF vengono spesso aggiunte resine sintetiche come legante per stabilizzare i materiali isolanti e gli oli contro il rilascio di polvere. Le fibre minerali artificiali includono lana di roccia, lana di basalto, lana di scorie e lana di vetro.

Valutazione della lana minerale

  • Vecchie lane minerali» con data di fabbricazione 1995 o superiore
    Tutte le lane minerali» con data di fabbricazione 1995 o precedente rappresentano «vecchie lane minerali» ai sensi del TRGS 521 e sono valutate come cancerogene secondo a TRGS 905.
  • Lane minerali vecchie e nuove» dalla data di fabbricazione 1996 al 30.5.2000
    Le fibre minerali immesse sul mercato tra il 1996 e la metà del 2000 possono essere state esposte mediante prove di biotoleranza o come fibre KI40 (sono considerate «nuove lane minerali» e: i criteri di esenzione del Dangerous Ordinanza sulle sostanze) o «vecchie lane minerali» ai sensi del TRGS 521.
  • Lane minerali nuove» con data di produzione 1.6.2000 o successiva
    Tutte le fibre minerali immesse sul mercato a partire dall'1.6.2000 sono state sottoposte a prove di biotoleranza conformemente alla normativa UE o tedesca sono considerate come «lanine minerali nuove» ai sensi del TRGS 521; e quindi considerate innocuo.

Ulteriori informazioni su questo argomento sono disponibili nella nostra hompage alla voce Risultati analitici/Analisi delle fibre minerali artificiali

Informazioni sui possibili effetti sulla salute durante la lavorazione e la manipolazione della lana minerale, nonché sul Dealing con «materiali isolanti in lana minerale vecchi e nuovi» sono definiti in TRGS 521 e si trovano in una guida dell'Associazione tedesca di ingegneria civile, BG Bau sulla «manipolazione di materiali isolanti in lana minerale» 

Laboratorio di amianto – buon riconoscimento

Quando si sceglie un fornitore per l'analisi dell'amianto, in realtà c'è poco da considerare: il fornitore stesso è un'operazione di laboratorio o solo un rivenditore – vedi Heimtest –? Il laboratorio per la sperimentazione dell'amianto è accreditato dai Dakks? Il laboratorio può avere un'adeguata esperienza in materia di test sull'amianto? Qui, ad esempio, la partecipazione del laboratorio ai test EQA può aiutare se i risultati vengono pubblicati. CRB effettua analisi dell'amianto dal 1993 e ha superato con successo i due test VDI EQA «3492» e i test EQA regolari e numerosi di altri fornitori.

► Risultati dei test EQA per l'analisi dell'amianto

Legge di Bragg

Legge di Bragg | © Von Dipl. - Phys. (JPG-Version), Matthias M. (SVG-Version) - /Home/Matthias/Desktop, Dominio pubblico, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3528588 Braggsches Gesetz - Fonte de imagen Wikimedia Commons Von Dipl. - Phys. (JPG-Version), Matthias M. (SVG-Version) - /Home/Matthias/Desktop, Dominio pubblico, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3528588

Quando la radiazione a raggi X colpisce un cristallo, esso è permeato senza ostacoli da gran parte della radiazione, ma si osserva anche che le proporzioni delle radiazioni sono distratte dal cristallo — un fenomeno chiamato diffrazione a raggi X.

La causa della diffrazione dei raggi X è la riflessione della radiazione a raggi X sui piani all'interno del cristallo che si comportano come specchi semi-permeabili, i cosiddetti piani reticolari o reticolari. Solo quando l'equazione di Bragg è soddisfatta può essere osservata una riflessione:

n × λ = 2d × sin (θ)

dove: n è l'ordine, d è la distanza della griglia, θ è l'angolo di riflessione, λ è la lunghezza d'onda.

Fonte de imagen Wikimedia Commonshttps://commons.wikimedia.org/wiki/File%3ABragg.svg

Metodo SBH

Il metodo SBH è un processo sviluppato dal Schulbau Hamburg, che da anni è stato utilizzato con successo per analizzare cerotti e stucchi eventualmente contenenti amianto. Campioni individuali o misti vengono sottoposti a cenere a 450 °C e trattati con acido per arricchire l'amianto nel campione.

Il metodo SBH è ripreso e descritto dalla linea guida VDI 3866, foglio 5:2017-06 e nel documento di discussionedel VDI und Gesamtstoffsanierung e.V. sull'esplorazione, valutazione e riabilitazione di intonaci, stucchi e adesivi per piastrelle contenenti amianto negli edifici da giugno 2015.

Da molti anni utilizziamo questo metodo di preparazione ed esame in materiali critici e possiamo contare su una vasta esperienza.

Ulteriori informazioni su questo argomento

Microscopio elettronico a scansione, SEM

View Scanning - Microscopio elettronico XL40 | © CRB Analysis Service GmbH View Scanning - Microscopio elettronico XL40

La generazione di un fascio di elettroni avviene in una fonte di elettroni. I dispositivi più semplici sono un tornante ricurvo filo di tungsteno o un cristallo LAB6 (esaboro di lanthano).
Questo viene riscaldato ed emettono elettroni (il cosiddetto catodo caldo), che vengono poi accelerati in un campo elettrico con una tensione di solito da 8 a 30 kV.

Il fascio di elettroni finemente impacchettato aggancia la superficie della preparazione linea per linea in un vuoto elevato. Questo segnale innescato da elettroni secondari e primari (vedi sotto) vengono convertiti dai rilevatori in informazioni sul valore grigio e visualizzati in modo sincrono sullo schermo. Una volta scansionate tutte le linee dell'immagine, la griglia riparte nella parte superiore dell'immagine e viene creata una nuova immagine.

  • Contrasti di elettroni secondari: gli elettroni secondari (SE) prodotti dagli elettroni del fascio (elettroni primari) in interazione con gli atomi dell'oggetto oggetto oggetto studiato sono la fonte di informazioni più utilizzata. Hanno un'energia di alcuni volt di elettroni, provengono solo dai nanometri superiori della superficie e quindi formano la topografia dell'oggetto da
  • contrasti di elettroni backscattering: Un altro metodo di imaging comunemente usato è la rilevazione di elettronica sparsi elettroni retrosparsi, BSE). Questi elettroni primari sparsi indietro dall'oggetto hanno una tipica energia di alcuni keV. L'intensità del segnale dipende principalmente dal numero atomico medio del materiale. Gli elementi pesanti forniscono un forte backscatter, in modo che le aree corrispondenti appaiano luminose. Le aree con elementi più chiari appaiono più scure. L'immagine della BSE è quindi chiamata anche immagine di contrasto materiale e consente di trarre conclusioni sulla natura chimica del materiale oggetto o sulla distribuzione di diversi materiali o elementi nell'immagine.

Misurazione dell'aria ambiente

Monitor per il campionamento dell'aria amianto | © CRB Analysis Service GmbH Monitor per il campionamento dell'aria amianto

Misurazione ispezione dell'aria (misurazione del rilascio, misurazione del controllo di successo, misurazione dello status quo nel contesto di una bonifica dell'amianto) secondo le linee guida VDI 3492, VDI 3861 (foglio 2), BGI 505-46, ISO 14966 sull'amianto e KMF.
Il CRB non effettua misurazioni dell'aria interna in sito, ma valuta filtri trasmessi e uscite teste di campionamento (monitor) in prestito con filtri.

Rivestimenti per pavimenti in amianto

Targhe di amianto vinilico, nome commerciale Dunloplan | © Tim Ebert (tebert) (https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Dunloplan_Pastell-Polyflex.jpg), «Dunloplan Pastel-Polyflex», https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/legalcode Targhe in vinile di amianto, nome commerciale Dunloplan - fonte di immagini Wikimedia Commons Tim Ebert (tebert) (https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Dunloplan_Pastell-Polyflex.jpg), «Dunloplan Pastel-Polyflex», https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/legalcode

I rivestimenti per pavimenti in amianto avevano una quota di mercato di circa il 20% negli anni '70. I diversi tipi di pavimentazione hanno le seguenti caratteristiche:

  • Piastrelle in amianto vinilico o lastre flessibili
    solitamente grigie o marroni screziate, lastre singole quadrate, lisce senza strato di supporto, che contengono circa il 15% di amianto in forma fissa. Le colle bituminose nero-marrone, spesso utilizzate qui, possono anche essere contenenti amianto. Oltre alle piastre, devono essere prese misure protettive speciali per rimuovere lo strato adesivo bituminoso nero, eventualmente contenente amianto.
  • Pannelli in PVC
    Espanso rivestito sul lato inferiore (strato di supporto) con pannello di amianto bianco o grigio chiaro. La piastra portante dell'amianto, solitamente di un solo millimetro di spessore, è costituita da circa il 90% di amianto debolmente legato, per lo più dall'amianto bianco pressato (crisotilo). Nel 1982, l'uso di queste targhe è stato proibito dal legislatore. Da non confondere con i rivestimenti in vinile con rivestimenti in PVC degli anni '60, che hanno sul retro un feltro di iuta marrone chiaro di circa 5 mm di spessore. Questo è privo di amianto.
  • Piastrelle amianto
    I pannelli a base di amianto o bitume, noti anche come «piastrelle di amianto», sono fortemente arrestati con il substrato. Sono fragili e leggermente fragili.

Fonte de imagen Wikimedia Commons: Tim Ebert (tebert), Dunloplan Pastel-Polyflex,CC BY-SA 3.0

RoHS

Introduzione

La direttiva UE 2011/65/UE (RoHS 2), che ha sostituito la precedente direttiva 2002/95/CE (RoHS 1) il 3 gennaio 2013, mira a rimuovere componenti problematici quali piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente e bifenili polibromurati (PBB) e difeniletere (PBDE) da apparecchiature elettriche e bandire elettroniche.

Il 31 marzo 2015, altre sostanze, tra cui gli ftalati, utilizzate come plastificanti nelle materie plastiche, sono state incluse nella direttiva RoHS.

Quali articoli sono interessati dalla nuova direttiva RoHS?

Ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 1, 2011/65/UE, ciò comprende «le apparecchiature elettriche ed elettroniche che dipendono per il loro corretto funzionamento da correnti elettriche o campi elettromagnetici e le apparecchiature per la generazione, la trasmissione e la misurazione di tali correnti e campi...» dal seguente categorie, Allegato I al 2011/65/UE:

  1. Grandi elettrodomestici
  2. Piccoli elettrodomestici
  3. Attrezzature IT e di telecomunicazione
  4. Elettronica di consumo
  5. Apparecchi di illuminazione
  6. Utensili elettrici ed elettronici (ad eccezione dei grandi utensili industriali fissi)
  7. Giocattoli e attrezzature sportive e per il tempo libero
  8. Dispositivi medici (ad eccezione di tutti i prodotti impiantati e infetti)
  9. Strumenti di monitoraggio e controllo
  10. Distributori automatici
  11. Altre apparecchiature elettriche ed elettroniche che non rientrano in nessuna delle categorie già menzionate.

Sostanze e valori limite

I valori limite seguenti si applicano a ciascun «materiale omogeneo» di un articolo. Un materiale omogeneo è, conformemente all'articolo 3, paragrafo 20, 2011/65/UE, un «materiale di composizione uniformemente o un materiale di materiali diversi che non si scompone in singoli materiali mediante operazioni meccaniche quali svitamento, taglio, frantumazione, macinazione e macinazione; o può essere disconnesso.»

 Consistenza     Soglia   Esempi di utilizzo
  Piombo, Pb 0,1 %
  • Connessioni a saldare
  • Componente di lega di metalli come acciaio, alluminio, rame, alluminio, ecc.
  • Come stabilizzante nelle materie plastiche
 Mercurio, Hg 0,1 %
  • Interruttore di inclinazione, raddrizzatore di vapori di mercurio
  • Tubi fluorescenti, lampade a risparmio energetico
  Cadmio, Cd 0,01 %
  • Accumulatori al nichel-cadmio
  • Celle solari
  • Come stabilizzante, colorante in plastica
 Cromo VI, Cr+6 0,1 %
  • Componente di pitture e vernici, preservanti del legno
  • Protezione dalla corrosione dei metalli (cromatura)
  PBB, PBDE per 0,1 %
  • Ritardanti di fiamma negli isolamenti in plastica, cavi

 

Screening mediante analisi a fluorescenza a raggi X, XRF secondo DIN EN 62321-3-1:2014-10 su Pb, Hg, Cd, Cr+6, Br

DIN EN 62321, Parte 3-1 descrive l'analisi di screening delle cinque sostanze piombo (Pb), mercurio (Hg), cadmio (Cd), cromo totale (Cr) e bromo totale (Br) in per i prodotti elettrotecnici utilizzati materiali con il metodo analitico di spettrometria a fluorescenza a raggi X (XRF). Questa analisi è applicabile a polimeri, metalli e materiali ceramici. Il metodo di prova può essere applicato alle materie prime, ai singoli materiali estratti dai prodotti e alle miscele «omogeneizzate» di più di un materiale.

L' analisi fornisce informazioni di screening XRF sulla quantità totale di ciascun elemento presente nel campione di prova, ma non individua i composti e non fornisce conoscenza del valore (livello di valenza) degli elementi. Pertanto, un'attenzione particolare è necessaria nell'analisi di screening di cromo e bromo, poiché il risultato riflette solo l'attuale contenuto totale di cromo e bromo. La presenza di ritardanti di fiamma Cr (VI) o bromurati PBB o PBDE deve essere confermata mediante una procedura di prova di verifica.

Set di prova amianto, Kit di campionamento

Anche se all'inizio questi kit sembrano pratici, CRB si astiene deliberatamente dall'inviare i cosiddetti kit di campionamento. Da un lato, tutti gli articoli inclusi in questi kit sono componenti di uso quotidiano: lama di rasoio/taglierina, sacchetto campione e busta per il ritorno. È possibile acquistare una maschera antipolvere (sufficiente per l'amianto) per pochi euro in qualsiasi negozio fai da te - ma attenzione: se le fibre di amianto entrano effettivamente nell'aria, la maschera sarà utile solo a voi personalmente e solo per il momento in cui la indosserete. Le fibre di amianto possono galleggiare nell'aria per giorni e possono essere inalate da chiunque entri nella stanza. Il nostro consiglio: immergere il punto di campionamento in acqua e/o spruzzare l'acqua sul punto di campionamento con una bottiglia spray durante il campionamento. D'altra parte, riteniamo che tali kit non siano né ecologicamente né economicamente giustificabili. L'invio di oggetti banali di uso quotidiano in scatole appositamente realizzate con un costo aggiuntivo fino a 50€ per l'analisi in tutta la Repubblica non può essere corretto.

Tremolite

Tremolite immagine REM | © CRB Analysis Service GmbH Tremolite immagine SEM

Amianto anfibol monoclale con formula chimica Ca2(Mg,Fe2+)5[OH|Si4O11]2.
Terminale ricco di magnesio della serie Ferroactinolite – tremolite – cristalli misti.

Utilizzare come amosite.

Può essere trovato nei rivestimenti stradali come componente naturale di rocce magmatiche come basalto, diabas o gabbro utilizzati per la scissione. Raramente in forma pura come amianto tecnico.

XRF - Analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva a lunghezza d'onda, WDXRF

Principio di funzionamento lunghezza d'onda dispersiva RFA | © Panalitico Principio di funzionamento lunghezza d'onda dispersiva RFA

Principio di funzionamento
Nell'analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva a lunghezza d'ondaWDXRF – engl. wavelength dispersive X-Ray fluorescence analysis, WDXRF – l'eccitazione viene effettuata dalla radiazione radiologica primaria di un tubo a raggi X. La radiazione di fluorescenza emessa è allineata parallelamente da un collimatore, piegata su un cristallo analizzatore e registrata da un apposito rivelatore. Il cristallo viene utilizzato per abbattere lo spettro della radiazione policromatica secondaria emessa dal campione per lunghezze d'onda e per determinare la determinazione qualitativa dell'elemento chimico mediante l'angolo di diffrazione della radiazione a raggi X e per misurare l'intensità della radiazione radiologica. per rendere possibile per renderlo possibile.

Istituzione di uno spettrometro a fluorescenza a raggi X dispersivo a lunghezza d'onda

Sorgente di radiazione (1)
Come sorgente di radiazioni, viene solitamente utilizzato un tubo a raggi X, o un

  • Raggio laterale tubo. il tuo. Un anodo di cromo, tungsteno, molibdeno, oro o rodio viene sparato con un fascio di elettroni. C'è un sacco di calore e radiazione a raggi X che lascia il tubo a raggi X attraverso le finestre di berillio sui lati.
  • Molto più spesso, a causa della migliore densità di radiazione, viene utilizzato un tubo finestrino terminale. L'anodo si trova di fronte alla finestra di berillio e il catodo è anulare attorno all'anodo. Quando viene applicata una tensione, gli elettroni migrano verso l'anodo su un percorso curvo.

Preparazione del campione (2)

Filtro tubolare (3)

La radiazione radiologica prodotta è costituita dalla radiazione frenante e dallo spettro caratteristico della linea del materiale anodico del tubo a raggi X. Per nascondere le linee anodiche, viene utilizzato un filtro primario, il cui numero atomico è 1 o 2 protoni inferiore a quello del materiale anodo. Ad esempio, filtro TITAN per

Collimatore tubo CR (4)
sistema di spaccatura costituito da alette metalliche (pannelli Soller) per selezionare un fascio parallelo dalla radiazione fluorescente divergente.

Analizzatore cristallo (5)
La radiazione di fluorescenza policroma è piegata sul cristallo dell'analizzatore in modo che ad un certo angolo di impatto o accettazione si rifletta solo la radiazione di un'energia o lunghezza d'onda. La base di questo principio è l'equazione Braggsche.

Rilevamento della radiazione fluorescente (6)
Il rilevamento della radiazione fluorescente viene effettuato con contatori di scintillazione (per elementi pesanti ad alta energia, radiazione caratteristica a onde corte) e misuratori di flusso di gas per elementi luminosi con energia e auml; rmer, radiazione caratteristica a onde lunghe.
L' intensità della radiazione caratteristica di un elemento, dopo correzioni degli effetti della matrice e delle sovrapposizioni delle linee, rappresenta una misura della sua concentrazione nel campione.

XRF - Analisi di fluorescenza a raggi X dispersiva di energia, EDXRF

Analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva dell'energia dello spettro | © CRB Analysis Service GmbH Analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva dell'energia dello spettro

Nell' analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva, EDXRF – lo spettrometro a fluorescenza a raggi X dispersivo, EDXRF – l'eccitazione degli elementi nel campione viene effettuata mediante radiazione radiologica primaria di un tubo a raggi X - confrontare Ro analisi della fuorescenza a raggi X, XRF.

La radiazione caratteristica di fluorescenza risultante degli elementi nel campione è registrata da un rivelatore, solitamente da un cristallo semiconduttore di silicio e litio (rivelatore SIL) o da un rivelatore di deriva al silicio (rivelatore SSD). Utilizzando un'elettronica a valle appropriata, il segnale del rivelatore viene trasformato in modo che possa essere elaborato in un Multi Channel Analyzer (MCA).

Questo raccoglie i segnali misurati, i fotoni registrati nel rivelatore, a seconda della loro energia. Il risultato è uno spettro di elementi dispersivi di energia. Dai dati ottenuti in questo modo, gli elementi del campione e la loro concentrazione possono essere determinati utilizzando un adeguato software di valutazione.

XRF - Nozioni di base per l'analisi della fluorescenza a raggi X

RFA - Grundlagen RöntgenfluoreszenzanalyseSpettroscopia a fluorescenza a raggi X, XRF viene utilizzato per l'analisi qualitativa e quantitativa di materiali solidi e liquidi sulla loro composizione chimica. È ampiamente utilizzato nell'industria della lavorazione dei metalli, nell'esame del vetro, della ceramica e dei materiali da costruzione, nonché nell'analisi di lubrificanti e prodotti petroliferi. I limiti pratici di rilevazione sono pochi mg/kg.

Nell' analisi della fluorescenza a raggi X, il materiale campione da studiare è eccitato da una fonte di energia primaria, una radiazione a raggi X policromatica proveniente da un tubo a raggi X, da una radiazione gamma o da una radiazione ionica. L'eccitazione con un raggio di elettroni viene utilizzata nella microanalisi a raggi X, EDX.

Gli elettroni vicini al nucleo vengono sollevati dai gusci interni dell'atomo verso l'esterno. Ciò consente agli elettroni di ricadere da livelli di energia più elevati. L'energia rilasciata in questo processo viene emessa sotto forma di radiazione fluorescente. Qui, ogni elemento emette una radiazione di fluorescenza caratteristica costituito da una o più linee di fluorescenza di certa energia – confrontare legge musulmana.

Secondo la struttura del dispositivo e il metodo di rilevamento della radiazione fluorescente, dispersivo di energia e lunghezza d'onda dispersiva spettrometri per l'analisi della fluorescenza a raggi X, XRF.

XRF - Pressatura polvere

Preforma in polvere per la RFA | © CRB Analysis Service GmbH Preforma in polvere per la XRF

Soprattutto per campioni di rilevanza ambientale come terreni contaminati o incontaminati, fanghi di depurazione, residui di incenerimento dei rifiuti, ma anche gesso REA, ceneri volanti e altri materiali. A causa della natura della preparazione, gli effetti di consistenza e granulometria possono portare a una errata determinazione degli elementi principali minori con numeri ordinali fino a 15. Per la valutazione delle materie prime, almeno gli elementi da Na a Si vanno analizzati in aggiunta a una digestione del fuso.

Il programma 27 Element è particolarmente adatto per le questioni che richiedono elementi secondo Laga, l'elenco di Kloke, l'ordinanza sui fanghi di depurazione dei rifiuti o le direttive CE. Tuttavia, molti altri elementi sono noti dalla tossicologia ambientale, che non sono inclusi negli elenchi dei valori limite, indicativi e orientativi. In caso di sospetto di tale contaminazione o nella creazione di catasti fondiari, si raccomanda l'uso di programmi di misurazione più estesi con 40 o 50 elementi.

Per queste domande viene effettuato un trattamento delicato del materiale: il campione viene essiccato a 40 °C nella camera di essiccazione ad aria in circolazione, in modo che non si verifichino perdite di evaporazione, ad esempio da composti volatili metallici o metallo-organici di mercurio e - se non già prima della consegna - macinazione in un mulino di agata.

XRF – Analisi di screening

Analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva dell'energia dello spettro | © CRB Analysis Service GmbH Analisi della fluorescenza a raggi X dispersiva dell'energia dello spettro

Il Fundamental Parameter Program Omnian è utilizzato per XRF indipendente dalla matrice, quantitativa, semi-quantitativa o qualitativa di campioni sconosciuti di varie proprietà e composizioni dei materiali (inorganiche e organiche). Il materiale campione può essere preparato in forma preparata o con una composizione adeguata (radiografia e sottovuoto!) e la texture superficiale possono essere analizzate non preparate e non distruttive, per cui si possono determinare le concentrazioni di elementi tra il limite di rilevazione, solitamente 250 µg/g e 100%.

XRF – digestione di fusione

Produzione di digestione Schnnelz per la RFA | © CRB Analysis Service GmbH Produzione di digestione Schnnelz per la XRF

XRF quantitativo da una compressa orodispersibile su 12, 16, 20 o 40 elementi secondo DIN EN ISO 12677 (2012), DIN EN 15309 (2007)

Per l'analisi di campioni ossidici e ossidabili di diverse composizioni come vetro e fibre di vetro, suoli, rocce, materie prime minerali, ceramica o minerale
In questo processo, il materiale campione viene posto con un flusso (tetraborato di litio), fuso in atmosfera ossidante, spento come tavoletta di vetro omogenea e analizzato come tale con alta precisione.

';