Logo

Relazione di follow-up su DCONex 2019: Inquinanti per l'edilizia e costruzioni in edifici esistenti

Il 30 e 31 gennaio il team CRB ha partecipato al DCONex 2019 ad Essen. Al congresso per la gestione e il risanamento delle sostanze inquinanti con la relativa esposizione commerciale, le sostanze inquinanti per l'edilizia erano di nuovo in cima all'ordine del giorno. L'importanza di questo tema si è riflessa nella rinnovata crescita delle dimensioni della manifestazione: la fiera delle sostanze inquinanti ha attratto ancora una volta un numero significativamente maggiore di partecipanti rispetto agli anni precedenti e ha offerto un programma ancora più diversificato con contributi, alcuni dei quali si sono svolti in tre padiglioni contemporaneamente.

Quest'anno, CRB è stata rappresentata per la prima volta alla DCONex con un proprio stand. Qui i visitatori non solo hanno potuto ammirare le varie esposizioni (come ad esempio vari minerali di amianto), ma hanno anche potuto parlare con il nostro team di persona.

Stand CRB al DCONex 2019

Naturalmente abbiamo anche utilizzato il congresso per informarci su temi di attualità nel campo della gestione delle sostanze inquinanti e soprattutto sulla manipolazione dell'amianto. Di seguito sono riportate alcune impressioni e riflessioni sui contributi del congresso:

Inquinanti negli edifici esistenti

Di solito associamo l'argomento "edificio" ad un nuovo edificio. Molto più spesso, gli edifici esistenti vengono utilizzati. Ciò include la conversione, la ristrutturazione, l'ammodernamento e la riqualificazione degli edifici esistenti. È anche questo il settore dell'edilizia, dove spesso si ha a che fare con gli inquinanti edilizi (ostruiti).

In occasione di DCONex 2019, Peter Schurkraft ha spiegato le sfide poste dalle sostanze inquinanti per la costruzione di edifici per i clienti governativi. Nel Baden-Württemberg ci sono circa 8.000 edifici di proprietà dello Stato. Di questi, circa 4.500 sono stati costruiti tra il 1950 e il 1990 - nel periodo considerato critico per quanto riguarda gli inquinanti edilizi. Inoltre, ci sono edifici più vecchi che sono stati rinnovati o ristrutturati durante questo periodo.

A seconda della motivazione, se l'edificio deve essere decostruito, ristrutturato o aggiornato tecnicamente, o se vi è un pericolo acuto per gli utenti, è necessario sviluppare strategie adeguate. Questo probabilmente rivela un problema negli studi di architettura: la maggior parte degli studenti vuole progettare. L'edilizia negli edifici esistenti è probabilmente molto meno popolare e il tema degli inquinanti edilizi è trattato in modo un po' troppo malridotto.

Hans-Dieter Bossemeyer ha fornito nel suo contributo al congresso una panoramica dei pericoli che si possono annidare negli edifici esistenti. A questo è seguito un rapido volo sui vari inquinanti dell'edificio e sul loro significato. L'amianto non solo svolge un ruolo inquinante negli edifici esistenti e nella decostruzione, ma deve essere tenuto presente anche nel riciclaggio dei materiali da costruzione.

Hans-Dieter Bossemeyer della Wessling GmbH
Hans-Dieter Bossemeyer della Wessling GmbH

Misure risultanti dal dialogo nazionale sull'amianto

Il rapporto sul dialogo nazionale sull'amianto si è già affermato negli ultimi anni come parte integrante del DCONex. Andrea Bonner di BG BAU ha fornito una panoramica dei risultati ottenuti fino ad oggi e delle prospettive. È prevista la creazione di una banca dati specialistica sulle sostanze inquinanti per l'edilizia e di una piattaforma informativa sull'amianto. Inoltre, l'obiettivo è quello di registrare l'esposizione, in particolare nel caso di lavori artigianali nel campo degli intonaci, degli adesivi per piastrelle e degli stucchi.

Anche il dialogo nazionale sull'amianto proseguirà quest'anno. Tra i temi attuali vi sono la revisione dell'ordinanza sulle sostanze pericolose (GefahrstoffV) e TRGS 519. La Dr. Birgitta Höwing della Wessling GmbH ci ha informato sullo stato attuale della situazione. Inoltre, le direttive LASI per l'ordinanza sulle sostanze pericolose MN 45 devono essere emanate in una versione aggiornata - tenendo conto delle sentenze attuali, ad esempio per quanto riguarda il divieto di occultamento (sentenza Magdeburg Morinolfugen).

Per ulteriori informazioni: www.asbestdialog.de

 

Riciclare i materiali da costruzione nonostante le sostanze inquinanti?

Lezione DCONex sulla linea guida VDI 6202 foglio 3

L'aumento del riciclaggio dei materiali da costruzione è un passo importante verso la conservazione delle risorse e la creazione di una significativa economia a ciclo chiuso. Ma come dobbiamo comportarci con i numerosi inquinanti edilizi? Come possiamo garantire che l'amianto, ad esempio, venga rimosso una volta per tutte dal ciclo?

In primo luogo, naturalmente, devono essere identificati gli inquinanti presenti nell'edificio. Al DCONex 2019, Martin Kessel di Arcadis Germany GmbH ha riferito in merito ai lavori sulla linea guida VDI 6202 Parte 3: Impianti tecnici e strutturali inquinati - indagini e valutazioni - amianto. Questa linea guida VDI prevista deriva dal documento di discussione del GVSS e della VDI del 2015 sui prodotti a base di amianto nascosti come intonaci, adesivi per piastrelle e stucchi. Una prima bozza di questa nuova linea guida è stata annunciata per la prima metà del 2019.

Nella sua presentazione Hans Albrich della GIU GmbH si è occupato anche del riciclaggio di materiale da demolizione. Si è occupato della nuova linea guida VDI 3876 e della sua applicazione pratica con la questione se la LAGA M23 sia ancora aggiornata per quanto riguarda la definizione di "senza amianto".

Poiché la linea guida VDI 3876 è stata pubblicata solo nel novembre 2018, non è ancora disponibile alcuna esperienza pratica. Questa linea guida si trova in una zona di conflitto tra due interessi legittimi:

  • Da un lato, i vecchi materiali da costruzione devono essere riciclati nel quadro di una buona economia di riciclaggio, conservando così le risorse naturali.
  • D'altro canto, deve essere garantita la protezione contro l'amianto e altre sostanze nocive che possono essere contenute nei materiali da costruzione riciclati.

Cosa si considera "contenente amianto"?

Nel GefahrstoffV viene menzionato il valore di 0,1 massa%. Tuttavia, poiché il potenziale di pericolosità dell'amianto non dipende dalla massa, ma dal numero di fibre respirabili, il significato di questo valore non è chiaro: rappresenta il confine tra rifiuti pericolosi e non pericolosi? O questo valore era piuttosto dovuto ai limiti di rilevazione dei metodi analitici utilizzati?

Qui manca il confine tra rifiuti edilizi riciclabili e non riciclabili. Il problema dell'amianto è che si trova quasi ovunque nei materiali da costruzione. La fibra non sempre è stata aggiunta deliberatamente, ma in alcuni casi si è praticamente insinuata dalla porta di servizio sulla scia di un materiale insospettabile. Quanto più precisi diventano i metodi analitici, tanto più spesso si trovano queste sostanze di amianto. 

Invece di scegliere tra amianto contenente e privo di amianto, si potrebbe anche fare una dichiarazione sulla riciclabilità. Ad esempio, se un materiale è a basso contenuto di amianto ed è consentito per determinati usi in determinate condizioni. Poiché l'inquinante viene inalato ma non si diffonde attraverso altri materiali, un approccio basato sul rischio potrebbe essere d'aiuto.

Ora abbiamo un piccolo arsenale di metodi analitici a nostra disposizione. Dalla ISO 22262-2 :2014-02 e VDI 3866 Parte 5 Appendice B :2017-06 con il loro 0,001 massa%, il metodo BIA/IFA 7487 con 0,008 massa% e VDI 3876 con 0,005 e 0,001 massa% come limite di rilevamento. Tuttavia, questi limiti di rilevamento sono solo stimati. I limiti di rilevamento non sono determinati. La rilevabilità è, oltre ai parametri dell'apparecchio, anche soggettivamente dipendente dall'ispettore. I limiti di rilevamento sono difficilmente determinabili.

Amianto e materiale riciclato

La nuova Direttiva VDI 3876 ha lo scopo di specificare la procedura per la preparazione di campioni di rifiuti da costruzione e demolizione e di materiali riciclati da essi ottenuti, che sono stati prelevati in conformità alla DIN 19698 o alla LAGA PN 98, se questi devono essere qualitativamente testati per l'amianto. Specifica anche un metodo quantitativo per determinare il contenuto di amianto nei campioni.

Tuttavia, ciò solleva le seguenti domande: un risultato positivo è da equiparare alla valutazione come rifiuto pericoloso? E perché viene introdotta una procedura quantitativa se non esiste un valore limite?

C'è anche un'enorme quantità di campioni. Perché secondo la norma DIN 19698 devono essere prelevati almeno 9 campioni di laboratorio per 500 m³: Ognuno di questi 9 campioni è diviso in 5 frazioni a seconda della granulometria (F1 > 10 mm, F2 > 3 - 10 mm, F3 > 0,25 - 3 mm, F4 > 0,1 - 0,25 mm e F1 < 0,25 mm) e questi vengono pesati. Le frazioni più grossolane F1 e F2 vengono poi lavate per facilitare l'individuazione di eventuali particelle contenenti amianto. Questi sono separati e la loro massa è determinata. La massa totale delle particelle contenenti amianto è la base per la determinazione del contenuto.

Le strutture in fibra vengono ancora estratte dalle frazioni F3 e F4, mentre F5 viene preparato direttamente sulla piastra campione. Se la "normale" VDI 3966 è sufficiente per le frazioni da F1 a F4, allora l'appendice B viene utilizzata per la frazione F5. Questo lo rende un po' ingombrante e anche abbastanza costoso. I nostri 9 campioni originali per 500 m³ diventano 45 campioni - di cui 5 con preparazione estesa, i cui costi sono superiori alle normali analisi.

Questo metodo è quindi meno adatto al monitoraggio di routine di un valore limite. Probabilmente si può ottenere molto di più con buoni registri delle sostanze inquinanti e indagini preliminari.

La "fine" dei materiali da costruzione riciclati?

Si pone anche la questione di quanti dei campioni e delle loro frazioni possono mostrare un risultato positivo fino a quando l'intero materiale non deve essere dichiarato come contenente amianto e quindi come rifiuto pericoloso. I rifiuti edilizi assolutamente privi di amianto probabilmente non esisteranno (ancora), almeno non molto spesso. La grande maggioranza delle masse prodotte da tali misure è suscettibile di contenere l'uno o l'altro fenomeno dell'amianto. Basti pensare ai molti prodotti di amianto nascosti, la maggior parte dei quali non può essere facilmente localizzata o rimossa. Inoltre, alcuni componenti contenenti amianto spesso non possono essere rilevati prima della demolizione, come i distanziatori contenenti amianto proveniente da costruzioni in calcestruzzo.

Al fine di conservare le risorse e di proteggere lo spazio della discarica esistente, è urgente trovare una soluzione praticabile che sia al servizio del principio di precauzione e che consenta l'utilizzo di materiali da costruzione riciclati. Ciò include anche la garanzia che l'amianto non finisca nelle discariche in questione. Anche se probabilmente non sempre funziona. La questione rimane, anche per quanto riguarda la futura regolamentazione quadro, dove si trova la strategia globale. In realtà la discussione avrebbe dovuto andare avanti da un po' di tempo.

Auditorium DCONex nella sala grande - CRB

Urban Mining - Scenari per i futuri flussi di materiali da costruzione

Costruire macerie come aggregato di calcestruzzo

Dopo aver discusso del riciclaggio dal punto di vista delle sostanze inquinanti, Hermann Kessler dell'Agenzia federale per l'ambiente ha rivolto la sua attenzione agli edifici e alle infrastrutture come importante fonte di materie prime. Il significato diventa forse più chiaro se si guarda alle dimensioni: Il solo patrimonio edilizio residenziale e commerciale contiene 10,1 miliardi di tonnellate di materiali da costruzione. Per tutti gli edifici e le infrastrutture, la cifra è di circa 51,7 miliardi di tonnellate.

In Germania vengono estratti ogni anno circa 235-253 milioni di tonnellate di sabbia e ghiaia per l'attività edilizia. Come area mineraria, ciò corrisponde a ben 2240 campi da calcio o 14 chilometri quadrati. Per contro, i rifiuti edili e la costruzione di strade nel 2014 saranno ancora piccoli, con 68,2 milioni di tonnellate. Ma comunque 55,3 milioni di tonnellate sono state utilizzate come materiale di riciclo. Se si considera la lavorazione della pietra e del suolo, nel 2014 i materiali RC hanno rappresentato un buon 12,3% della domanda.

Purtroppo, però, solo una piccola parte di questo viene restituita alla costruzione di edifici come aggregato di calcestruzzo di alta qualità, sostituendo la ghiaia naturale. Questo è per cambiare in futuro. Perché in questo modo non solo si risparmierebbero le nostre risorse naturali, ma si ridurrebbe anche il consumo di paesaggio da parte delle cave di ghiaia, ecc. Entro il 2020, un quarto del fabbisogno di ghiaia potrebbe essere coperto da materiale RC. A causa del previsto cambiamento demografico, questa quota potrebbe addirittura salire al 36% entro il 2050.

Riciclaggio dei gessi

Ogni anno vengono prodotte circa 650.000 tonnellate di gesso nei rifiuti edilizi. Il tasso di riciclo fino ad oggi si colloca nell'intervallo di percentuali a una cifra. Il conferimento in discarica è presumibilmente relativamente poco costoso, perché i pochi trasformatori di gesso si lamentano delle quantità di accettazione insufficienti.

Il consumo di cartongesso in Germania è di circa 2,1 milioni di tonnellate. Delle 650.000 tonnellate di rifiuti di gesso sopra menzionate, ben 510.000 tonnellate sarebbero riciclabili. Questo sarebbe certamente un modo importante per proteggere le preziose risorse naturali in questo settore. Dopotutto, attualmente la domanda di gesso è coperta per il 40% dall'estrazione del gesso naturale e per il 60% dalla desolforazione dei gas di scarico. Tuttavia, quest'ultima fonte di gesso sarà eliminata nel quadro di un'eliminazione più o meno rapida della produzione di energia elettrica a carbone.

Tuttavia, le possibili sostanze inquinanti e le impurità presenti nei rifiuti edilizi non devono essere trascurate in questo argomento. Oltre all'amianto già menzionato, ci sono anche, ad esempio, PCB e vanadio nel riciclaggio dei mattoni. Ci sarà certamente molto da fare in futuro per i riciclatori e i laboratori di analisi interessati. Il potenziale di materie prime dei nostri edifici diventerà probabilmente più importante nei prossimi anni.

Lavori su edifici e impianti contaminati da sostanze inquinanti

Peter Götzelmann e Klaus-Thomas Maxeiner della Götzelmann Consulting GmbH hanno riferito sulla loro esperienza in materia di appalti pubblici per edifici contaminati da sostanze inquinanti. Il livello di conoscenza degli enti appaltanti può variare notevolmente. Tuttavia, questo livello di conoscenza influenza notevolmente anche la qualità delle offerte.

Tutto sommato, il DCONex di quest'anno è stato di nuovo un evento interessante, anche se eravamo lontani dal poter assistere a tutte le presentazioni. Chiunque si occupi del tema degli inquinanti edilizi, della loro indagine, analisi o risanamento dovrebbe includere il DCONex nel proprio calendario. La prossima edizione si terrà il 22 e 23 gennaio 2020.

';